#coesione

Non esordirò riferendomi all’importanza della cultura nei processi di coesione sociale. Perché l’arte non è bacchetta magica e sarebbe ingenuo demandare ad essa il ruolo di costruzione della coesione sociale. Certo ha un valore è propedeutico ma non può da sola permettere la convivenza civile.

La coesione è principalmente il risultato di politiche intelligenti, il frutto di un lavoro che, a partire da una visione politica, si trasforma in prassi quotidiane .È inutile negarlo: anche a Bergamo si assiste all’indebolimento delle relazioni di solidarietà e all’incremento delle fragilità personali e familiari, all’instabilità e alla diseguaglianza non solo economica. A Bergamo nel 2014 si è scelto di inserire la coesione sociale tra le deleghe di un assessore, associandola a politiche sociali, politiche giovanili, reti sociali, integrazione, pari opportunità.

Una scelta chiara che considera la coesione non la risposta a una emergenza ma un processo che rigenera continuamente la città. Non è questione di fare qualcosa per chi vive nella fragilità con spirito interventista; è questione di stare pazientemente con chi vive nella fragilità per creare reti di solidarietà all’interno della città.

In questi 5 anni Bergamo è diventata una città più attenta alle persone e ai contesti in cui esse vivono, costruendo un nuovo (delicato) senso di appartenenza alla comunità. Questa è la città in cui vorrei continuare a vivere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...